Nicola Zingaretti: PD va rifondato, basta egoismi e conflitti

nicola zingaretti pd rifondato

Nicola Zingaretti è convinto che il PD così non funziona, si è persa quella che è la sinistra. I conflitti con gli altri partiti e gli egoismi interni hanno destabilizzato il partito e bisogna riprendere le redini della situazione; “I cittadini impauriti vogliono ritrovare la loro casa”. Zingaretti ce l’ha con Salvini e dice; “È forte perché ha saputo cogliere lo smarrimento degli italiani ma è un tifone di bugie“.

Partito Democratico va rifondato

Il Partito democratico “va rifondato” e bisogna smetterla con “egoismi e conflitti” interni, perché “i cittadini impauriti vogliono ritrovare la loro casa” in cui esprimere “bisogni, desideri e talenti”.

Zingaretti ammette che “la destra ha saputo più di noi cogliere lo smarrimento degli italiani, lo sradicamento di legami antichi, la paura della frammentazione e della dispersione”. Gliela da vinta ma rigira la pizza, in parole povere.

Ritiene necessaria una rifondazione del Pd, che per Nicola Zingaretti significa “ricostruire una comunità aperta“. A novembre si aprirà a Bologna un grande confronto politico e culturale su come il Pd pensa gli anni Venti del nuovo secolo, il nuovo Pd dev’essere “Aperto, plurale e radicato“.

Perché Salvini vince sempre alle elezioni

Perché Salvini vince sempre alle elezioni. “Ci si domanda spesso perché Salvini e la destra siano così forti”, scrive nella sua lettera il segretario dei democratici, “i motivi sono molti tra cui sicuramente la presenza nel territorio”. E’ vero che Salvini non sta mai in Parlamento ma passa molto tempo tra la gente.

L’analisi più approfondita sui motivi del successo della Lega è che secondo Zingaretti sa proporre ai cittadini “approdi forti e chiari, anche se autoritari, regressivi e intollerabili per noi, perché illiberali e xenofobi“. E così ha ripreso con gli insulti all’ex-vicepremier.

Nicola Zingaretti contro Matteo Salvini

Nicola Zingaretti contro Matteo Salvini: Salvini è il leader del partito con più consensi in Italia, quindi Zingaretti cerca di recuperare un po’ di quei consensi tentando di screditarlo. “Salvini è il migliore a raccontare e rappresentare i problemi”, ma è anche “il peggiore a risolverli. È un tifone di bugie raccontate con un sorriso.”

Zingaretti però fa anche un po’ d’autocritica, perché di fronte a questo “il centrosinistra non è stato in grado di fare altrettanto sulla base di un suo rinnovamento ideale, programmatico e identitario”, ha scritto il segretario del Partito Democratico. In particolare ha lamentato “una storia di conflitti, separazioni, di chiusure e a volte di egoismi“.

CONDIVIDI le ultime notizie sul segretario del PD Nicola Zingaretti.

Adirai.it è stato selezionato da Google News come Fonte di Notizie Autorevole grazie alla qualità dei contenuti prodotti quotidianamente.

Resta aggiornato, seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.