•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Oggi in TV

Morti per sigaretta elettronica, oggi 6 decessi in USA.

morti per sigaretta elettronica

Volete provare a smettere di fumare? Non usate le sigarette elettroniche, motivate la vostra scelta e prendete coraggio per riuscire nel vostro scopo. L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) dichiara che “anche se il livello di rischio non è stato ancora stimato in modo definitivo, le e-cig sono indubbiamente dannose“. Ad oggi sono arrivati a 6 i morti per sigaretta elettronica, le Nazioni iniziano a prendere provvedimenti seri e permanenti.

Ad oggi si indaga su ben 450 casi sospetti, persone che presentano malattie ai polmoni che potrebbero essere state causate da sigarette elettroniche. Il sesto decesso che vi abbiamo accennato è un uomo di 55 anni che era stato ricoverato in ospedale per “una grave e improvvisa malattia polmonare probabilmente legata all’utilizzo di sigarette elettroniche”. Sempre la solita solfa insomma. Crisi respiratorie, corsa in pronto soccorso, accertamenti e poi morte.

Vietato vendere e pubblicizzare lo “svaping”

“Il mese scorso i centri per il controllo e la prevenzione delle malattie avevano annunciato che, in tutti gli Stati Uniti, erano saliti a 153 i ricoveri ospedalieri dovuti a patologie polmonari causate dal vaping.”

tgcom24

Di questi casi, uno è risultato mortale in Illinois per via di un’insufficienza respiratoria.

Il vaping il respiro lo toglie, non lo da. Ci troviamo a fare i conti con un’emergenza di tutto rispetto, non meno grave di virus e contaminazioni, che va trattata con massima rapidità. Ad oggi le e-cigarette sono diffuse in tutto il mondo, dalla Cina agli Stati uniti d’America, passando per l’Europa. Dunque l’unica cosa da fare è vietarne la diffusione al più presto. I giovanissimi sono più a rischio di altri.

Il Michigan vieta la vendita di e-cig

Il Michigan è il primo Stato a reagire all’emergenza: Vieta ufficialmente la vendita di e-cig, o sigarette elettroniche, in tutto il Paese per sei mesi. Nel frattempo si potranno creare delle misure permanenti per vietarne la diffusione e l’utilizzo, oltre che limitarne la pubblicizzazione e la descrizione in maniera positiva. Non è possibile venderla neanche più online.

Provvedimenti dei Paesi

“Il Michigan non è un caso isolato: diverse città e comunità americane hanno imposto divieti o restrizioni sulla vendita delle sigarette elettroniche.Tra le prime San Francisco che ha proibito la vendita e la distribuzione di e-cigarettes di ogni tipo. Anche l’America Latina si è dimostrata nemica del vaping: in Argentina e in Brasile sono vietati la vendita e l’utilizzo in pubblico. In Europa si ritrovano leggi restrittive in Austria e Norvegia, mentre la Commissione europea a febbraio ha annunciato una relazione su questo argomento per il 2021. In Italia non esistono particolari restrizioni (se non il divieto ai minorenni) e dal 2018 i liquidi da ricarica sono diventati Monopolio di Stato.” Lo scrive tgcom negli aggiornamenti sul caso.

La cosa carina sapete qual è? Il problema delle sigarette elettroniche è proprio il liquido in esse contenuto… e la nostra Nazione ne ha il Monopolio.

Diffondi il tuo pensiero #adiroso attraverso i social con un click: CONDIVIDI.

Adirai.it è stato selezionato da Google News come Fonte di Notizie Autorevole grazie alla qualità dei contenuti prodotti quotidianamente.

Resta aggiornato, seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.