pensione ape social 2020

Cos’è l’Ape social 2020? L’ape social è l’anticipo pensionistico social, recentemente prorogato di un anno con scadenza nel 31 dicembre 2020. Questa misura previdenziale agevola l’uscita anticipata dal lavoro. Chi e quando può fare domanda per andare in pensione con Ape Social? Chiunque abbia i requisiti di accesso alla pensione social può richiederla, ecco quali sono le ultimissime novità sulle pensioni APE social.

Ape social ultimissime novità

La riforma pensioni contenuta nella Legge di Bilancio 2020 riconferma diverse misure previdenziali oltre l’Ape social 2020. Le pensioni riconfermate per il prossimo anno sono:

Tutte queste pensioni sono disponibili per chi ha maturato i requisiti necessari e vuole andare in pensione nel 2020.

Le novità in materia di riforma pensioni introdotte dalla Legge di Bilancio 2020 ci danno l’opportunità di aggiornarvi sull’Ape Social 2020.

Cos’è Ape sociale 2020

Cos’è l’Ape sociale 2020? L’Ape Social (abbreviazione che sta per “Anticipo Pensionistico Social“) è la misura pensionistica sperimentale prorogata dal Governo giallorosso al 31 dicembre 2020. L’ape social serve ad agevolare i lavoratori che vogliono lasciare prima il lavoro.

Come funziona?

Come funziona Ape social? L’Ape social per legge funziona così: si tratta di una prestazione erogata dall’INPS a tutti i cittadini che possiedono determinati requisiti previsti dalla legge; limiti di età, cittadinanza italiana, eccetera.

Il lavoratore che vuole ottenere l’ape social deve fare domanda all’INPS entro una data scadenza. Una volta che la richiesta all’istituto previdenziale è stata approvata l’INPS eroga un’indennità. L’indennità dura fino al raggiungimento dell’età prevista per la pensione anticipata, di vecchiaia o di un tipo di trattamento anticipato, ad esempio quota 100.

L’ape sociale permette ai lavoratori che hanno compiuto almeno 63 anni di età e 30 anni di contributi versati regolarmente di andare in pensione anticipatamente. Ovviamente, per accedere all’ape social non bisogna essere titolari di pensione diretta nè in Italia nè all’estero.

Ape social 2020 requisiti età e contributi

Quali sono i requisiti per fare la domanda INPS? I requisiti Ape social 2020 sono:

  • aver compiuto almeno 63 anni di età,
  • essere disoccupati, invalidi, caregivers con 30 anni di contributi versati,
  • la categoria lavoratori gravosi prevede 36 anni di contributi versati.

In pratica i requisiti età e contributi sono: 63 anni di età e 30 anni di contributi, 36 nel caso di lavoratori gravosi.

Questi requisiti ape social 2020 sono stati riconfermati e prorogati dalla manovra finanziaria per favorire l’accesso all’indennità erogata dall’INPS.

Chi può richiederla?

Chi può richiedere l’indennità ape social? Può richiederla chiunque rientri nei requisiti età e contributi e sia attualmente:

  • disoccupato,
  • invalido,
  • caregiver,
  • lavoratore gravoso.

Per conoscere tutti i requisiti continua con la lettura.

Indennità ape social 2020 requisiti

L’indennità ape social è erogata dall’INPS ma quali sono i requisiti specifici per ogni categoria? Ecco i requisiti ape social per l’indennità a: invalidi, lavori gravosi, caregivers e disoccupati.

  1. Ape social requisiti invalidi. E’ concessa a lavoratori autonomi o dipendenti con riduzione della capacità lavorativa perché hanno l’invalidità civile superiore o uguale al 74%.
  2. Requisiti ape social 2020 lavori gravosi. E’ riconosciuta a tutti i seguenti tipi di lavoratori:
    • Operai agricoli (aggiunto nella riforma pensioni 2020).
    • Lavoratori della pesca (aggiunto nella riforma pensioni 2020).
    • Marittimi (aggiunto nella riforma pensioni 2020).
    • Impianti siderurgici (aggiunto nella riforma pensioni 2020).
    • Artigiani di pelletteria.
    • Addetti ai servizi di pulizia.
    • Addetti spostamento merci e/o facchini.
    • Conducenti di camion o mezzi pesanti in genere.
    • Conducenti treni e personale di bordo viaggiante.
    • Guidatori di gru o macchinari per la perforazione nelle costruzioni.
    • Infermieri o ostetriche che operano su turni.
    • Maestre/i di asilo nido e scuola dell’infanzia.
    • Operai edili o manutentori di edifici.
    • Operatori ecologici, inclusi coloro che separano o raccolgono rifiuti.
    • Assistenti socio sanitari.
  3. Ape sociale requisiti Caregivers 2020. Sono caregivers beneficiari: le persone che si prendono cura, o i lavoratori dipendenti o autonomi che assistono, da almeno 6 mesi dalla presentazione della domanda:
    • il coniuge,
    • un parente di primo grado convivente disabile,
    • un parente o affine di secondo grado convivente con genitori over 70 o affetti anch’essi da disabilità.
  4. Ape social 2020 requisiti disoccupati. Rientra nei requisiti chi si trova in stato di disoccupazione perché:
    • ha subito un licenziamento (individuale o collettivo),
    • oppure ha dato le dimissioni per giusta causa,
    • o è disoccupato per una risoluzione consensuale.
    • se il contratto di lavoro è scaduto; in questo caso negli ultimi tre anni devi aver lavorato per almeno 18 mesi e da più di 3 mesi devi aver terminato la fruizione totale della disoccupazione (naspi, aspi, mobilità).

Quando richiedere l’ape social? La scadenza

Da quando è possibile presentare le nuove domande? E’ possibile presentare le nuove domande già da subito se si posseggono tutti i requisiti previsti dalla legge.

I lavoratori che vogliono lasciare il lavoro in anticipo con l’ape social 2020 perché disoccupati, lavoratori gravosi, caregivers o invalidi devono presentare la domanda entro la scadenza.

Quando richiedere l’ape social? La scadenza per richiedere l’ape social all’INPS è stata ufficializzata:

  • entro il 31 marzo 2020, per chi presenta la domanda ape sociale 2020 nella prima parte dell’anno.
  • entro il 15 luglio e non oltre il 30 novembre per chi presenta domanda nella seconda parte dell’anno.

E’ importante ricordare che bisogna avere maturato tutti i requisiti di legge nel momento di presentazione della domanda.

Adirai.it è stato selezionato da Google News come Fonte di Notizie Autorevole grazie alla qualità dei contenuti prodotti quotidianamente.

Resta aggiornato, seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.