• 17
  •  
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  

Le ultimissime novità all’8 aprile 2020 sono le reazioni dei lavoratori al vicepresidente di Camera Ettore Rosato, che è per lo stop a Quota 100. I lavoratori hanno detto la propria sulle recenti dichiarazioni di Rosato che ha definito Quota 100 dannosa per l’Italia, soprattutto ora con il Coronavirus. A suo avviso se i miliardi chiesti in prestito per l’emergenza Covid 19 si useranno per confermare quota 100 o dare il Rem sarà un vero disastro. Il timore che simili dichiarazioni possano incidere sull’operato dell’esecutivo nel far sospendere la quota 100 ha suscitato l’ira dei lavoratori.

stop quota 100 riforma pensioni ultime notizie 2020

Riforma Pensioni ultime notizie 2020 NO a Stop Quota 100

Secondo Ettore Rosato l’Italia dovrebbe usare i soldi avuti in prestito dagli investitori internazionali solo per rilanciare l’economia del Paese. Ma in un periodo già colmo d’incertezze, determinate dalla pandemia in atto, i lavoratori chiedono a Rosato di non aggiungere stress allo stress.

Soprattutto si chiede di lasciare stare quota 100, unica via di uscita, ora che la riforma previdenziale sembra essere l’ultimo pensiero del Governo. Una soluzione per eliminare gli sprechi ed evitare di mettere le mani alle pensioni ci sarebbe, dicono all’unisono: Tagliare gli stipendi ai politici!

Riforma pensioni 2020 Quota 100 è l’ultimo dei problemi dell’Italia

Claudio Maria Perfetto, esperto previdenziale che scrive per l’Adnkronos ha espresso le sue dichiarazioni su Pensioni per tutti; “Il vicepresidente della Camera Ettore Rosato di Italia Viva afferma: “Considerato che dovremo chiedere in prestito agli investitori internazionali decine e decine di miliardi per l’emergenza…”. Il vero problema, di cui ancora nessuno sembra aver intuito la portata (nessuno ne parla), è proprio il “chiedere il prestito agli investitori internazionali”” afferma l’esperto di riforma pensioni.

“Gli investitori internazionali amano giocare a dadi” aggiunge. Poi spiegando: “Se gli investitori internazionali cominciano a vendere i Btp italiani; se le agenzie di rating declassano il rating italiano dall’attuale BBB a BBB- (titolo spazzatura); se la Bce non potrà più acquistare titoli di debito pubblico perché le regole impongono che non è possibile acquistare titoli spazzatura; e se l’Italia verrà costretta a utilizzare il Mes (Fondo Salva-Stati); se i falchi (Olanda, Germania, Austria) della Comunità europea non saranno disponibili a rimuovere le penalizzanti condizioni imposte dal Mes; ebbene, se tutti questi “se” dovessero essere soddisfatti, allora Quota 100 e reddito di cittadinanza saranno davvero gli ultimi dei nostri problemi“.

Tuttavia, persino in questo momento di reali necessità urgenti “una via per uscire dalla morsa che attanaglia l’Italia ci sarebbe” secondo Claudio Maria Prefetto.

Riforma Pensioni ultime notizie Soluzione alternativa a Stop Quota 100

La soluzione alternativa allo Stop Quota 100 sarebbe la stessa adottata da una famiglia italiana in difficoltà. L’esperto di riforma pensioni spiega: “Quando una famiglia è in difficoltà economiche, attinge innanzitutto ai propri risparmi. Poi forse chiederà prestiti agli amici. Poi dovrà vendere gioielli di famiglia, e forse la casa, il proprio patrimonio. Ciò che vale per le famiglie vale anche per lo Stato. Lo Stato potrebbe mettere in “vendita” il proprio patrimonio: Palazzo Chigi, Palazzo del Quirinale, Uffizi di Firenze, Fontana di Trevi, eccetera, eccetera. Non si tratterebbe di una vera e propria “vendita” (a “investitori internazionali” per esempio) ma di una trasformazione in liquidità da distribuire a imprese e famiglie”.

Secondo Claudio Maria Prefetto “tale liquidità si tradurrebbe in concreto in una nuova moneta italiana; di natura digitale, gestita dallo Stato italiano attraverso la Cassa depositi e prestiti, circolante solo in Italia e parallelamente all’euro. (il patrimonio dello Stato resterebbe ovviamente in Italia ma non più disponibile né per essere venduto agli investitori esteri, né più trasformabile in moneta digitale). In tal modo non ci sarebbe bisogno di ricorrere così tanto agli investitori internazionali e nemmeno al Mes”, conclude.

Riforma pensioni 2020 serve Riformare l’intero sistema!

Sotto queste dichiarazione una commentatrice fa notare come l’epidemia in atto sta semplicemente ‘dando la mazzata finale’ ad un sistema economico già discendete: “Il flagello Coronavirus darà la mazzata finale a un sistema economico e sociale iniquo che non ha più speranza di sopravvivere – dice Veronica -. Pensiamo subito a costruire una realtà civile, economica, sociale e culturale che si basi su paradigmi diversi! Piango le tante persone morte in modo così drammatico e ringrazio col cuore i tanti italiani onesti e altruisti che con il loro lavoro sono ora in prima linea, ma penso anche che un sistema sta crollando. Dobbiamo impegnarci tutti a crearne uno nuovo più giusto e più rispettoso verso il pianeta, l’umanità e tutte le altre creature. Per fare ciò dovremo crescere noi stessi, individualmente, solo così ci sarà impossibile farci rappresentare da persone non degne del loro mandato, perché sarà facile smascherarle!”

La sospensione quota 100 non deve essere una soluzione percorribile in questo momento. Quindi al di là di tutte queste parole, qual’è la misura da attuare il prima possibile?

CONDIVIDI.

Adirai.it è stato selezionato da Google News come Fonte di Notizie Autorevole grazie alla qualità dei contenuti prodotti quotidianamente.

Resta aggiornato, seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.