•  
  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
Oggi in TV

Ossigeno prodotto su Marte, esperimento riuscito e il rover della NASA Perseverance si aggiudica un primato di fondamentale importanza per i progressi scientifici che porteranno l’uomo a respirare su Marte. Il problema principale del pianeta rosso è che il 96% dell’atmosfera marziana è composta da anidride carbonica; la NASA ha usato MOXIE per svolgere l’esperimento di produrre ossigeno su Marte. Moxie (Mars Oxygen In-Situ Resource Utilization Experiment) è una strumentazione in grado di trasformare l’aria irrespirabile di Marte in ossigeno per gli astronauti.

ossigeno su marte prodotto perseverance rover nasa

Ossigeno su Marte grazie al rover Perseverance: come fa MOXIE a produrre ossigeno

Ossigeno prodotto su Marte – La NASA ha recentemente reso noto che MOXIE, uno degli strumenti a carico del rover Perseverance, è stata in grado di produrre 5 grammi di ossigeno a partire dall’aria marziana, irrespirabile, in quanto composta al 96% di anidride carbonica.

5 grammi di ossigeno corrispondono a 10 minuti di respiri, è un primo passo verso una potenziale colonia marziana. Senza ossigeno non c’è vita e oggi Perseverance ci da la speranza che la fantascienza potrà diventare presto realtà grazie ai progressi scientifici.

“Sebbene questa dimostrazione tecnologica sia agli inizi, potrebbe aprire la via alla possibilità di trasformare la fantascienza in realtà”, osserva la Nasa.

Huffington Post

Ossigeno prodotto su Marte – Secondo la NASA Moxie è attualmente in grado di produrre fino a 10 grammi di ossigeno ogni ora. E’ ancora insufficiente per il fabbisogno umano ma, come dicevamo, è il primo passo verso una vera e propria risorsa fondamentale per l’esplorazione del pianeta rosso da parte degli astronauti e per colonizzare Marte.

CONDIVIDI quest’importante novità: MOXIE può produrre ossigeno su Marte, e oggi ce lo ha dimostrato.

Adirai.it è stato selezionato da Google News come Fonte di Notizie Autorevole grazie alla qualità dei contenuti prodotti quotidianamente.

Resta aggiornato, seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.