Conferenza stampa di Conte, a che ora è oggi e dove vederla

conferenza stampa conte 18 ottobre 2020 dove vedere a che ora

Il premier Giuseppe Conte parlerà stasera in tv del nuovo DPCM coronavirus 18 ottobre 2020 che ha fatto diventare già vecchio quello dello scorso lunedì. A che ora è la conferenza stampa di Conte promessa per oggi pomeriggio 18 ottobre 2020 dal presidente del consiglio dei ministri lo rivela l'agenzia ANSA. Dove vedere e seguire la conferenza stampa di Conte è un altro punto da chiarire, ma se va tutto come in primavera già prevediamo una diretta sui canali Mediaset. Nella notte a Palazzo Chigi ci sono state altre discussioni tese tra premier e ministri, temono che imporre nuove chiusure porti la gente a rivoltarsi. Non hanno affatto torto a temere i cittadini, la pazienza è al limite ma il premier sembra avere la soluzione a tutto, e lo rivelerà nel DPCM 18 ottobre 2020 in uscita stasera. Ecco cosa sappiamo su cosa dirà Giuseppe Conte nella conferenza stampa di oggi pomeriggio a che ora ci sarà e dove vederla in televisione. [...]

Chiusura tra regioni e Campania, scontro tra De Luca e Bonaccini

chiusura tra regioni campania de luca toti bonaccini

Il governatore De Luca invoca una nuova chiusura tra regioni nei prossimi giorni, Bonaccini dall'Emilia gli risponde che non c'è ragione di chiudere. Limitare gli spostamenti tra regioni fu necessario in fase 2 Coronavirus, quando il Covid-19 contava circa mille vittime al giorno, oggi per fortuna non è così. E' una notizia fresca che ha allarmato i cittadini, sentitosi braccati nuovamente da un'imposizione governativa, ma che stavolta non trova giustificazione. Sia il portavoce dei governatori di Regione e presidente dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, sia il presidente della Liguria Giovanni Toti lo sottolineano. Tuttavia, il governatore della Campania Vincenzo De Luca sta valutando la chiusura tra regioni per limitare i contagi esterni e dall'estero. Ecco le ultime notizie sulla questione chiusura e limitazione spostamenti tra regioni in Campania secondo le affermazioni dei presidenti di regione. [...]

Discoteche chiuse, rimborsi da elemosina e poi migranti positivi

discoteche chiuse vuote rimborsi dl agosto migranti coronavirus

Discoteche chiuse in tutta Italia e obbligo di indossare la mascherina chirurgica ovunque, sia in locali chiusi sia all'aperto, dalle 18 alle 6. Il governo spaventato dal costante incremento di nuovi positivi al Covid-19 cede alla forte tentazione di dare un'altra mazzata all'economia e chiude. Ora Speranza giustifica le discoteche chiuse: "Diamo un segnale al Paese che bisogna tenere alta l'attenzione", peccato i contagiati siano clandestini. Non sono gli italiani gli untori, sappiamo bene che quando è stato il momento tutti i cittadini hanno dimostrato rigore e attenzione alle norme. Sembrava passato il peggio, i lidi, i locali, le discoteche iniziavano a riaprire e gli italiani per un paio di mesi hanno fatto fatica a uscire e spendere. Adesso il governo si prepara a rinchiuderci nuovamente in casa, e nega a tutti il divertimento notturno e all'aperto per colpa di gente incontrollata. [...]

Stato di Emergenza fino al 2021, lo annuncia il premier Conte

conte stato di emergenza mose

La proclamazione dello Stato di Emergenza a causa della pandemia Coronavirus è servita a Giuseppe Conte per restare al governo finora. Premesso questo, c'è anche da dire che lo Stato di Emergenza ha permesso a Conte di avere pieni poteri e prendere decisioni senza Parlamento. Inoltre, con i suoi DPCM, Conte ha dimostrato di preferire alcune attività a delle altre, mettendo il Paese in ginocchio dal punto di vista economico. Il 31 luglio 2020 termina lo Stato di Emergenza, però il premier ha annunciato la volontà, insieme al CdM, di rinnovarlo fino al 2021. La motivazione espressa dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte per estendere lo Stato di Emergenza fino al 2021 è discutibile. [...]

Carcere per chi vìola la quarantena Covid-19, ordinanza di Zaia

luca zaia carcere tso positivi covid ordinanza

Carcere per chi vìola la quarantena imposta a chi risulta positivo al tampone da Nuovo Coronavirus, il virus ammanetta i positivi Covid-19. Lo prevede l'ordinanza regionale di Luca Zaia, il governatore del Veneto, decisione presa in successione al focolaio causato da un manager. Luca Zaia chiede anche supporto al governo per stabilire le sanzioni e regolare così l'ordinanza affinché i positivi irresponsabili siano puniti. Intanto, sappiamo che a livello nazionale il ministro della Salute Roberto Speranza sta valutando il TSO per chiunque rifiuta le cure al Covid-19. [...]

Coronavirus in Veneto, manager untore non era in Serbia per lavoro

zaia speranza veneto focolaio coronavirus manager tso serbia

Coronavirus in Veneto, dopo i primi passi verso la normalità e nuovi contagi prossimi allo zero, esplode un focolaio da un manager untore. Lo chiamano "il manager" i giornalisti per non divulgare il suo nome, di lui sappiamo che è stato irresponsabile e ora lotta in terapia intensiva. Con chiari sintomi da Covid-19 e di ritorno dalla Serbia (si diceva un viaggio di lavoro) partecipò ad una festa di compleanno e andò a lavoro. Il figlio riconosce gli errori del padre "è giusto il Tso per i positivi che rifiutano le cure", il fratello del manager invece tinge la questione di giallo. Ecco le ultime notizie sul Coronavirus in Veneto. [...]

Mattarella a Bergamo per le vittime, sindaco non partecipa

mattarella a bergamo sindaco protesta

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in visita a Bergamo per la commemorazione delle vittime del Covid-19 ma un sindaco non partecipa. "Non vado, Regione pensi a risposta a nuova ondata. Un dirigente Ats mi derise per la mascherina" dice il sindaco ribelle, Silvano Donadoni. A Bergamo deve tenersi un requiem al cimitero per le vittime del Coronavirus, parteciperanno più di 200 sindaci, ma Donadoni non va. Le sue motivazioni, di facile condivisione, si spiegano subito: Donadoni vuole risposte dal Governo su come prevenire la seconda ondata in autunno. [...]

Moby Zaza, 28 migranti positivi al Covid-19, nave in quarantena

moby zaza positivi covid nave quarantena migranti

La nave quarantena Moby Zaza da i suoi frutti, 28 migranti positivi al Nuovo Coronavirus sono stati isolati e potranno ricevere cure adeguate. 28 migranti positivi al Covid-19 non daranno vita a focolai letali in Sicilia grazie alla soluzione del governatore Nello Mesumeci, la Moby Zaza. Una nave quarantena, istituita per bloccare l'ingresso incontrollato di migranti in Italia in un momento delicato per via dell'emergenza sanitaria. Nello Mesumeci, accusato di razzismo quando propose la nave quarantena, adesso spiega: "Oggi si capisce meglio quella nostra richiesta". [...]

Distanziamento in classi pollaio, Utopia a scuola per settembre

distanziamento classi pollaio settembre utopia

Azzolina ha detto che a settembre si ritorna tra i banchi di scuola, ma distanziati, peccato che il distanziamento in classi pollaio è impossibile. Il Miur attende le formazioni delle nuove classi che i dirigenti stanno formando con minimo 22 e massimo 27 alunni in ogni classe per legge. Al governo invece hanno un solo dubbio, il distanziamento sociale si calcola 1 metro di distanza tra banchi o con rapporto alunno-superficie? L'anno scolastico 2019-2020 chiuso con zero bocciati da al via le classi pollaio, in pratica non c'è spazio per distanziamento a scuola, è utopia. [...]

Coronavirus in Brasile, dati da guerra, Bolsonaro li oscura

coronavirus in brasile jair bolsonaro

Coronavirus in Brasile, dati da guerra, Bolsonaro li oscura e rimuove anche altri dati, i media credono sia un modo per minimizzare l'epidemia. Jair Bolsonaro ha deciso che non saranno più pubblicati dati sui contagi e i morti per Coronavirus in Brasile, non ha dato alcuna spiegazione. Dati aggiornati in tempo reale stato per stato davano modo ai brasiliani e a tutti noi di comprendere con precisione l'impatto del Coronavirus lì. Adesso sarà molto più complicato riuscire a farsi un'idea chiara della situazione attuale in Brasile, Bolsonaro non ha nemmeno dato un motivo. [...]