• 398
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Oggi in TV

Medico di Lampedusa ‘Solo una giovane aveva un’otite, cosa posso farci io?’ La realtà è che la salute dei migranti è strumentalizzata dalla politica

medico di lampedusa

Il Medico di Lampedusa, Responsabile del Poliambulatorio locale è stato accusato di aver dato notizie false riguardo lo stato di salute dei migranti della Open Arms che erano sbarcati per ’emergenze mediche’. Francesco Cascio non ha effettuato in prima persona i controlli, si è basato sulle perizie effettuate da due suoi colleghi; uno di loro ha maturato più di 40 anni di esperienza. Ecco le sue dichiarazioni.

Dei suoi colleghi Francesco Cascio si fida, ma DEVE fidarsi, perché quando si deve gestire un poliambulatorio devi poterti fidare di chi svolge il suo mestiere ogni giorno.

“E’ da pazzi pensare che io possa avere detto che i migranti visitati stanno bene solo per fare una marchetta a Salvini. Io sono un medico, innanzitutto, e parlo con i referti. Se su tredici migranti visitati, che secondo alcuni medici Cisom erano gravi, solo una giovane aveva una otite, cosa posso farci io? Mica posso inventare malattie che non esistono.

Il dottor Cascio ha dunque confermato uno stato di salute ottimale rispetto a quello rivelato dai colleghi Cisom che ritenevano i casi gravi. Questo non è andato bene e si è scatenata la polemica! “Stanno bene”? La gente si è giustamente chiesta come mai fino a un momento prima sembravano moribondi i migranti e poi d’un tratto son guariti.

“Ma è la verità – dice ancora Cascio, che non è a Lampedusa ma in vacanza – Io ho letto i referti fatti dai miei due medici al Poliambulatorio. E di loro mi fido. Sapevo che c’era una ragazza con una emorragia vaginale, ma l’emoglobina era a 11,3, quasi migliore della mia.”

Sdrammatizza d’un tratto. Ci tiene però a specificare altri dettagli rilevanti.

“Vorrei solo sottolineare che io sulla nave non ci sono stato. I medici neppure. Sono stati visitati i 13 migranti per motivi sanitari. Io che colpa ne ho se solo una ragazza era affetta da otite e gli altri stavano bene? E’ forse qualcosa che possa avere indirizzato io? Se qualche cretino pensa che io possa fare certificare a medici referti fasulli non posso farci niente. Io non ho più le energie, è diventato imbarazzante. E’ colpa mia se stavano bene? Ma ribadisco che non l’ho certificato io ma due medici di cui uno con 40 anni di attività di Pronto soccorso.

Visto che dicono che a bordo c’erano soggetti che stavano male perché non li hanno fatti scendere?

Io lo chiedo innanzitutto a me stesso. Se c’è una emergenza sanitaria a bordo fateli sbarcare. Perché ne hanno fatti scendere solo 13? E poi leggo che stanno male… – a un certo punto ammette – in questa polemica c’è qualcosa che non quadra. Poi se vogliono dire che sono stato cuffariano facciano pure, non mi importa. Ma i fatti sono quelli. Ho avuto di peggio nella mia vita…”

Alle accuse politiche risponde così:

“Io mi sono limitato solo a dire che le persone visitate stavano bene, nient’altro. Io non ho fatto affermazioni politiche o filosofiche – aggiunge – ho solo risposto citando referti dei miei medici. Se poi vogliono dire che sono stato in Forza Italia, facciano pure. Ma non capisco il nesso. Non me ne frega niente. Non voglio neppure replicare a chi è in malafede o stupido.

So che ieri la Polizia è andata al Poliambulatorio per chiedere informazioni e per chiedere il mio numero di telefono. Quando mi sentiranno spiegherò che i referti sono stati fatti dai miei medici – conclude – e che mi fido ciecamente di loro.”

Dopo aver letto le sue parole, chiaramente dettate dall’esasperazione di commenti cattivi sui social, siamo più che certi che questo medico non ha fatto niente più che quello che ha sempre fatto. Inoltre, ci teniamo a specificare che è bello sapere che i medici possono aver fiducia l’uno dell’altro nel proprio ambiente lavorativo, per questo non ne facciamo una colpa.

Diffondi il tuo pensiero attraverso i social con un click: CONDIVIDI.

Adirai.it è stato selezionato da Google News come Fonte di Notizie Autorevole grazie alla qualità dei contenuti prodotti quotidianamente.

Resta aggiornato, seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.