coronavirus sondaggi politici conte medici

In tempi di Coronavirus sondaggi politici e sulla sanità in Italia ci arrivano da Emg e Ipsos che indagano su intenzioni di voto e opinioni. Alessandra Ghisleri dice che “meno del 50% degli italiani si fida dell’operato di Conte“, il coronavirus ha minato un governo già poco stabile. Nonostante ciò, i dati dei sondaggi politici Ipsos mostrano un aumento del gradimento personale del premier Conte da 48 a 52 per cento. I sondaggi Emg invece indagano sulle opinioni, ad esempio: “Secondo lei in Italia andrebbe chiuso tutto lasciando solo i servizi essenziali?“.

Coronavirus Sondaggi Politici

Secondo il sondaggio realizzato per L’Aria che Tira di Alessandra Ghisleri “meno del 50% degli italiani si fida del governo“, un brusco calo rispetto a una settimana fa’. “Una settimana fa, quando il virus non era arrivato in Italia il 50 per cento temeva la diffusione, mentre il 70 si dichiarava soddisfatto dalla reazione del governo per debellare l’epidemia”, ha detto Alessandra Ghisleri, la direttrice di Euromedia Research. Sempre secondo il suo sondaggio “il 70 per cento teme e non poco il coronavirus nato in Cina“.

Anche ad Agorà si parla del parere degli italiani sulle mosse del governo e i riscontri non sono affatto positivi, infatti pare che gli italiani non siano d’accordo:

  • Pensa che il governo italiano si sia mosso male il 51% degli intervistati;
  • Pensa che si sia mosso bene il 34%;
  • Il 15% ha preferito non rispondere.

Dati simili a quelli di Euromedia Research che ci danno conferma della stessa triste realtà: Non ci piace come il Governo abusivo che ci ritroviamo sta gestendo l’emergenza Coronavirus.

Emergenza Coronavirus Sondaggi Emg

Secondo il sondaggio Emg realizzato sull’emergenza coronavirus in Italia, alla domanda: “Secondo lei in Italia andrebbe chiuso tutto compresi i luoghi di lavoro lasciando solo i servizi essenziali?” Ha risposto “Sì” il 63%, “No” il 25% e il 12% ha preferito non rispondere. Gli italiani vorrebbero il lockdown ossia: La chiusura totale delle attività esclusi i presidi sanitari, le forze dell’ordine, le farmacie, gli alimentari e i vigili del fuoco. Attualmente invece sono attivi anche molti servizi considerati superflui, come poste, banche, tabaccai e lavanderie.

Gli italiani quindi sanno bene cosa andrebbe fatto e cosa no per preservare il bene comune, anche in termini di sanità, infatti alla domanda: “Lei per chi teme di più?” Il 70% degli intervistati ha risposto “per gli anziani”, mentre il 13% teme per sé e un 12% teme per i bambini. Il 5% ha preferito non rispondere. Inoltre, il 53% degli italiani intervistati dichiara di avere paura di essere contagiato, il 26% ha detto che non ne ha paura, il 21% non ha risposto.

Vista la gestione dell’emergenza Coronavirus da parte di Governo e Regioni alle persone è stato chiesto se una volta finita l’emergenza la sanità dovrebbe “rimanere regionale” o “tornare a essere centralizzata”. Mentre il 19% preferisce non rispondere il 40% vuole che torni centralizzata e il 41% vorrebbe che rimanga regionale.

In questo caos i veri eroi sono medici e infermieri, operatori che combattono in prima linea il virus nelle corsie degli ospedali. Alla domanda: “Secondo lei chi si è comportato meglio in questa crisi?” L’86% degli intervistati ha risposto “il personale sanitario”, il 5% “la stampa”, il 5% ha risposto “la politica”, il 2% “i cittadini”. Il 2% ha preferito non rispondere.

CONDIVIDI gli ultimi sondaggi post Coronavirus.

Adirai.it è stato selezionato da Google News come Fonte di Notizie Autorevole grazie alla qualità dei contenuti prodotti quotidianamente.

Resta aggiornato, seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.