• 15
  •  
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
Oggi in TV

DPCM Draghi cambia in peggio: lockdown nei weekend e niente più visite in zona gialla sono solo due delle modifiche sul tavolo del CdM in corso ora. Il governo Draghi sta cambiando presto idea su come gestire la pandemia, i consigli del Cts mirano a una chiusura totale nei fine settimana. DPCM Draghi cambia in peggio: Lockdown nei weekend, misure restrittive a Pasqua come quelle di Natale e niente più visite in zona gialla alle persone care, il DPCM cambia in peggio. E’ in corso in queste ore il vertice a Palazzo Chigi per passare al vaglio la nuova stretta che prevede che il DPCM Draghi sia modificato, in più punti. Tra le nuove regole in vigore già da questo fine settimana ci sono la zona gialla rafforzata, super zona rossa, scuole chiuse, e coprifuoco anticipato.

nuovo dpcm mario draghi cambia lockdown weekend niente visite in zona gialla

Nuovo DPCM Draghi cambia in peggio: nuova stretta nei weekend e a Pasqua

Il Nuovo DPCM Draghi cambia per inasprire le norme. Attualmente le mosse di Draghi somigliano così tanto a quelle di Conte che i pedoni della scacchiera non si sono neanche accorti che il Re è cambiato. Fosse stato Giuseppe Conte al governo probabilmente le cose non sarebbero andate poi così diversamente: nuova stretta nei weekend e a Pasqua, misure restrittive come a Natale. Insomma, si poteva fare meglio e si è deciso di fare uguale, vabbè ci saranno validi motivi, almeno si spera.

DPCM Draghi cambia in peggioCosa cambia con le modifiche al DPCM Draghi? Già da questo fine settimana (sabato 13 e domenica 14 marzo) potremmo dover applicare queste nuove regole spiegate da Money:

  • Lockdown nel weekend in tutta Italia
  • Zona gialla e arancione rafforzata nei giorni feriali
  • Misure restrittive a Pasqua come a Natale
  • Zone rosse più rigide (con possibile introduzione della super zona rossa)
  • Coprifuoco alle 19 o alle 20
  • Nuovo parametro per cui con 250 casi per 100mila abitanti si entra automaticamente in zona rossa (lockdown) e non chiudono solo le scuole, ma anche i negozi e i luoghi di aggregazione.

Nuovo DPCM Draghi cambia, modifiche motivate dall’aumento di varianti e contagiosità tra i casi

Nuovo DPCM Draghi cambia, modifiche motivate dall’aumento di varianti e contagiosità tra i casi. L’Istituto superiore di sanità nel commentare gli ultimi dati settimanali ha definito “indispensabili” usare misure più stingenti per contrastare “l’aumento sostenuto della circolazione di alcune varianti virali a maggiore trasmissibilità”.

  • Lockdown nel weekend e zona gialla e arancione rafforzata dal lunedì al venerdì, i bar e i ristoranti saranno aperti solo per asporto e consegna a domicilio;
  • le chiusure a Pasqua saranno come quelle di Natale, in più scuole chiuse e probabile anticipo dell’orario del coprifuoco di qualche ora;
  • divieti e controlli rafforzati nelle zone rosse per limitare al massimo gli spostamenti delle persone e le occasioni di assembramento e favorire il contact tracing.

DPCM Draghi cambia in peggio – In queste ore al vertice a Palazzo Chigi si discute anche dell’ipotesi per la proroga dello stato d’emergenza al 30 settembre 2021. Cose da pazzi, ma sono queste le proposte avanzate dal Cts in ambito di modifiche al DPCM Draghi valido dal 6 marzo al 6 aprile.

Nuove chiusure e nuove strette tra le modifiche al DPCM Draghi che cambia in peggio, a causa della preoccupazione

DPCM Draghi cambia in peggioNuove chiusure e nuove strette tra le modifiche al DPCM Draghi che cambia in peggio, a causa della preoccupazione che una nuova grande e tragica ondata di SARS-COV-2 carica di varianti assassine sopraggiunga all’improvviso. Ebbene vogliamo morire chiusi in casa nella paura di ammalarci in strada o vogliamo ACCETTARE IL RISCHIO di far ammalare i più forti di noi per ridare speranza a questo Paese permettendo a chi ha un lavoro di continuare a lavorare? Bisogna essere coraggiosi nel prendere le scelte che ci salveranno tutti.

DPCM Draghi cambia in peggio – E’ vero o no che all’inizio di questa pandemia nessuno voleva ammettere la gravità della situazione? E’ vero o no, che alcuni dei primari più importanti d’Italia sosteneva che si trattasse di poco più di un’influenza? E’ vero o no, che quando si impone ad un’azienda di chiudere poi le si deve dare modo di restare a galla e senza debiti causati dal governo? E’ vero o no, che senza stipendio e senza sussidi oggi in Italia non si porta pane a casa? E se è vero tutto questo, perché lasciamo ancora che la preoccupazione gestisca i nostri affari? Nel mondo la situazione migliora, in Cina gli affari non sono mai andati meglio, eppure noi restiamo ancora barricati tra 4 mura. Indossiamo mascherine pericolose e prodotte da altri, mentre le nostre le svendiamo all’estero. Buttiamo dosi di vaccino andate a male. Il lusso dell’italiano medio oggi è la libertà, e questo lusso non se lo può comprare nessuno. Meritiamo un governo più coraggioso, anzi, meritiamo un governo degno d’essere definito così.

CONDIVIDI novità sul DPCM Draghi che cambia in peggio con lockdown nei weekend e niente più visite in zona gialla.

Adirai.it è stato selezionato da Google News come Fonte di Notizie Autorevole grazie alla qualità dei contenuti prodotti quotidianamente.

Resta aggiornato, seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.