scuole università chiuse italia dpcm

Il Dpcm Coronavirus entrato in vigore oggi e firmato dal Premier Giuseppe Conte nella notte prolunga università e scuole chiuse fino al 3 aprile. Le zone colpite dalla chiusura delle scuole e università disposta dal decreto 8 marzo 2020 sono: la regione Lombardia; province di Modena; Parma; Piacenza; Reggio Emilia; Rimini; Pesaro e Urbino; Alessandria; Asti; Novara; Verbano-Cusio-Ossola; Vercelli; Padova; Treviso; e Venezia. Le scuole di ogni ordine e grado sono chiuse, fanno eccezione coloro che fanno didattica a distanza e chi si forma per professioni sanitarie.

Coronavirus, università e scuole chiuse fino al 3 aprile

Scuole e università chiuse fino al 3 aprile in tutta la Lombardia e nelle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia.

Scuole e università chiuse fino al 15 marzo nel resto d’Italia.

E’ quanto previsto dal DPCM Coronavirus firmato la scorsa notte dal premier Conte in merito allo svolgimento di attività didattiche.

Coronavirus, la scuola che resiste: Didattica a distanza

La didattica a distanza resiste, sono infatti “ammesse le attività formative a distanza”. Il decreto 8 marzo precisa “a esclusione dei corsi per i medici in formazione specialistica e dei corsi di formazione specifica in medicina generale nonché delle attività dei tirocinanti delle professioni sanitarie”.

Per “mantenere il distanziamento sociale” è stata inoltre “esclusa qualsiasi altra forma di aggregazione alternativa”. Questa è la ragione principale per cui scuole e università restano chiuse fino al 3 aprile nelle zone arancioni e fino al 15 marzo nel resto d’Italia.

Riguardo le attività didattiche sono sospesi viaggi d’istruzione, iniziative di scambio o gemellaggio culturale, visite guidate, uscite didattiche di istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado.

Cosa prevede il DPCM Coronavirus

Questa notte il premier Conte ha firmato il DPCM per contenere la diffusione del Coronavirus. E’ stato il caos, per via della fuga di notizie avuta ieri sera. Chi poteva fuggire dal nord Italia verso il sud o all’estero l’ha fatto oggi. I governatori poi stanno chiedendo di rivedere le misure e di chiarire meglio le intenzioni del Governo. In questa drammatica situazione nazionale invitiamo tutti i nostri lettori a consultare in prima persona il testo del DPCM in Gazzzetta Ufficiale: il decreto 8 marzo 2020 sul Coronavirus entrato in vigore oggi.

CONDIVIDI le novita su scuole chiuse in Italia.

Adirai.it è stato selezionato da Google News come Fonte di Notizie Autorevole grazie alla qualità dei contenuti prodotti quotidianamente.

Resta aggiornato, seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.