• 7
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  

Mascherina obbligatoria per chi fa attività motoria all’aperto è la nuova brillante idea del Viminale che anticipa il nuovo DPCM con questa news. La circolare obbliga la mascherina a certi sì e a certi no, basandosi sul significato dei termini “attività motoria” e “attività sportiva”. Secondo i ‘geni’ del Viminale, dove passa il tempo la Lamorgese, è accettabile che gli sportivi non indossino la mascherina, mentre chi fa una corsetta deve indossarla per forza. Questa anticipazione del nuovo DPCM con “misure più ristrettive” è solo un assaggio di quello che ci aspetta nei prossimi mesi. Andiamo nel dettaglio di questa circolare che prevede mascherina obbligatoria per chi fa attività motoria (non sportiva) all’aperto. Ma poi, come spesso accade, vi daremo la nostra simpatica opinione.

mascherina obbligatoria per chi fa attività motoria

Mascherina obbligatoria per chi fa attività motoria all’aperto: Cosa vuol dire

Mascherina obbligatoria per chi fa attività motoria all’aperto è la nuova idea geniale del Viminale, secondo cui è necessario per contenere i contagi Covid-19 che gli italiani indossino la mascherina sempre: a meno che non siano atleti, che invece possono fare sport senza mascherina.

Secondo la definizione del Ministero della Salute, l'”attività motoria” sta a indicare l’attività fisica, ovvero “qualunque movimento determinato dal sistema muscolo-scheletrico che si traduce in un dispendio energetico superiore a quello delle condizioni di riposo.” Mentre l’attività sportiva “comprende situazioni competitive strutturate e sottoposte a regole ben precise”. Dunque la circolare implica che chi sceglie di fare una corsa al parco dovrà indossare la mascherina.

Repubblica

E’ simpatica questa circolare, e noi tutti la seguiremo, come abbiamo fatto con le autocertificazioni e tutte quelle robe lì da DPCM. Però dopo un’estate così limitata tutto quello che restava era lo sport, e adesso ci tolgono anche quello.

Se non sei atleta non puoi mica spacciarti per uno che fa attività sportiva in modo professionale, la tua è solo attività motoria. Stai solo facendo un movimento che causa “un dispendio energetico superiore a quello delle condizioni di riposo”, mica ti alleni in modo serio, mica sei professionista. Corri, ma non sei corridore; vai in bici, ma non sei ciclista. E per questo rischiamo tutti una multa da 300 a 1000 euro.

Anche alla ministra Lamorgese vorremmo dire “ma quindi lei obbliga e non è dittatrice? Merita decisamente una multa.”

Mascherina obbligatoria per chi fa attività motoria all’aperto PERCHE’ SALGONO I CONTAGI

Mascherina obbligatoria per chi fa attività motoria all’aperto PERCHE’ SALGONO I CONTAGI: questa la motivazione del Viminale per emanare una circolare tanto restrittiva. Ma approfondiamo la questione.

Senza alcun cambiamento nelle abitudini degli italiani – che sono gli stessi di un mese fa – ecco che la curva dei contagi ricomincia l’impennata. Guarda caso avviene in un momento propizio: dopo le scadenze fiscali, dopo l’estate che ha permesso ai turisti di circolare liberamente, dopo la riapertura forzata delle scuole e appena a qualche settimana dalla convocazione dei big del governo a deporre al tribunale di Catania. Che sia giunta all’improvviso l’ora di chiudere di nuovo tribunali, imprese e cittadini? Pare di sì visto come salgono i numeri, al raddoppio, e nonostante gli italiani siano gli stessi di un mese fa.

Non è avvenuto nessun evento gigantesco, nessuna ricorrenza particolare: non c’è nessun motivo per cui all’improvviso i contagi s’impennano nella maniera che vogliono farci credere. O sono sempre stati questi i numeri, o non si spiega. Intanto tornano a dettare ordini e obblighi assurdi che con seria difficoltà manderemo giù per la seconda volta in un anno.

La nostra opinione sui DPCM e le geniali Norme Anti Covid-19 in Italia

Se il governo giallo-rosso ci tiene tanto a obbligare il popolo italiano dal pulpito disinfettato di Palazzo Chigi quantomeno dettasse obblighi sensati che la gente non ha modo di criticare a ragione! Il problema non sta nelle idee di partito dei governanti, ma nella totale assenza di ogni forma logica e di buon senso negli obblighi dettati a caso dai DPCM, che possiamo considerare come “i decreti più discriminatori e ingiusti della storia della Repubblica Italiana”. Ma quant’è vivida in queste righe la democrazia dei democratici?

A partire dalla chiusura delle attività a una certa ora, tipo intorno alle ore 23:00 (perché poi esce il Coronavirus); passando per i ragazzini che si dovrebbero tenere a distanza a scuola grazie ai banchi a rotelle (che non arrivano, ma se arrivano sono usati come autoscontro); e fino a quest’obbligo idiota che chi porta la tutina da ciclista può circolare a Milano senza mascherina, mentre chi fa un giro in mountain bike sul lungomare con gli shorts è obbligato a indossarla sennò si becca una multa da 1000 euro.

In base a quale assurda logica si stabiliscono questi obblighi? Qualcuno dice che abbiamo task force in grado di prevedere i contagi e suggerire a Conte e compagnia bella come contenerli con i DPCM. Di certo ad oggi sappiamo solo che questi esperti si pigliano un mucchio di soldi senza rendere conto a nessuno, tant’è che nessun italiano ha mai letto una sola riga dei documenti del CTS (Comitato Tecnico Sanitario).

CONDIVIDI le ultime notizie su Mascherina obbligatoria per chi fa attività motoria all’aperto.

Adirai.it è stato selezionato da Google News come Fonte di Notizie Autorevole grazie alla qualità dei contenuti prodotti quotidianamente.

Resta aggiornato, seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.