Il Nuovo Coronavirus è stato creato in un laboratorio di Wuhan, epicentro della pandemia 2020, abbiamo la prova definitiva che è andata così. L’ex capo dei servizi segreti inglesi in un’intervista al quotidiano Telegraph si è lasciato sfuggire dettagli inquietanti, crude verità sul Coronavirus; Il virus che attacca e uccide l’uomo. Sir Richard Dearlove fa luce sulla questione più volte insabbiata da scienziati e dall’OMS (di parte cinese), ecco l’intervista con le rivelazioni. Scopriamo la verità sul virus che ci ha infettato e che ha messo in ginocchio persino uno dei Paesi più potenti e preparati, al mondo, gli USA.

mi6 dearlove servizi segreti inglesi coronavirus creato in un laboratorio di wuhan cina

Ex capo MI6: “Virus creato dall’uomo in CINA”

L’ex capo dell’MI6 (i servizi segreti inglesi) lo ammette a The Telegraph in un duro affronto alla Cina: “Creato in laboratorio a Wuhan, si è diffuso per un incidente”. Un incidente che il mondo intero sta pagando con centinaia di migliaia di vite umane, oltre che sotto il profilo economico e politico. Quanto sono affidabili queste dichiarazioni? C’è uno studio a provarlo.

Secondo Sir Richard Dearlove, ex capo dei servizi segreti inglesi – MI6 – il Nuovo Coronavirus “è stato creato dall’uomo in un laboratorio in Cina e si è propagato nel mondo in seguito a un incidente“. A dimostrare quanto dice l’ex capo MI6 ci sarebbe una ricerca norvegese-britannica, non ancora pubblicata, dalla quale si evidenziano elementi chiave nella sequenza genetica del virus. Elementi che – come spiega Sir Richard Dearlove dei servizi segreti inglesi – sono chiaramente stati “inseriti” e che non potrebbero essersi evoluti naturalmente. L’accusa alle autorità di Pechino è arrivata mentre Dearlove rilasciava un’intervista al quotidiano britannico Telegraph e sarebbe anche ben fondata.

La prova definitiva: “Sezioni inserite nella proteina Spike per attaccare l’uomo”

Lo studio cui fa capo l’accusa di Sir Dearlove è stato condotto dagli accademici del St George’s Hospital dell’Università di Londra e da virologi norvegesi. L’ex capo dei servizi segreti inglesi – MI6 – ha dunque messo fine una volta per tutte alle notizie messe in giro dagli scienziati che ritengono che il virus abbia effettuato un salto di specie dal pipistrello all’uomo. Anzi sostiene che i cinesi abbiano iniziato a condurre esperimenti sui pipistrelli solo in seguito all’incidente che ha fatto sfuggire il virus da un laboratorio di Wuhan, guarda caso nota come città epicentro della pandemia 2020.

I ricercatori britannici e norvegesi che hanno sviluppato lo studio spiegano, in particolare, di aver identificato “sezioni inserite nella superficie della proteina spike di Sars-CoV-2″ che spiegano come il virus si leghi alle cellule umane. Praticamente è stato provato da questi valorosi scienziati che in un laboratorio sono state volutamente inserite sezioni nella proteina spike per farle attaccare le cellule umane.

La Cina adesso DEVE PER FORZA dare una spiegazione coerente ma soprattutto CREDIBILE, se non vuole essere messa in croce da ogni singolo essere umano su questa Terra.

L’intervista per Telegraph – Reazioni accese, studiosi si tirano indietro

Ecco l’intervista integrale a Sir Dearlove direttamente dal canale Youtube ufficiale di Telegraph.

“L’ex capo dell’MI6 – spiega Il Riformista trattando le affermazioni di Dearlove – avanzando i dubbi sulla reale origine del Covid-19, spiega quindi che i risultati del rapporto norvegese-britannico potrebbero comportare per la Cina il pagamento dei danni causati dal Coronavirus ai Paesi che le ‘faranno causa’“. Dopo una pandemia l’ultima cosa che i cittadini del mondo vorrebbero è riavere i cari che hanno perso ingiustamente, per via di un esperimento cinese finito male e studiato per nuocere alle persone. A proposito, Pechino dovrà spiegare anche a che cosa gli serviva sviluppare un virus del genere. Ma a tali domande forse non avremo mai risposta.

Come era prevedibile “la ricerca peer-review ha già prodotto forti polemiche nel Regno Unito” tant’è che “uno degli autori, John Frederick Moxnes, principale consulente scientifico dell’esercito norvegese, ha chiesto infatti di ritirare il suo nome dallo studio” non ancora pubblicato su alcuna rivisita scientifica. “Anche gli scienziati dell’Imperial College di Londra e del Francis Crick Institute hanno respinto le conclusioni della ricerca” e quindi resta il dubbio, seppur meno prepotente di prima.

Il nuovo Coronavirus, la pandemia 2020: E’ tutta colpa della Cina?

E tu a cosa credi? E’ stata un’evoluzione naturale dal pipistrello all’uomo oppure è stato un esperimento sfuggito dal Laboratorio di Wuhan? Lascia il tuo commento, dicci la tua!

Ricordate che, sempre per pura fatalità, la CINA in totale ha registrato appena 4600 morti, meno dell’Italia (oltre 33.000), dei Paesi UE e meno degli Stati Uniti d’America dove oggi i morti sono arrivati a 107.000. E ancora: in Cina ci sono 84 mila contagiati ora, e sapete quanti negli USA? Un numero spaventoso: 1.851.520. E tutto per via di un incidente? Incidente a cui loro sembrano essersi preparati molto meglio di noi.

CONDIVIDI le rivelazioni dell’ex capo dell’MI6, servizi segreti inglesi.

Adirai.it è stato selezionato da Google News come Fonte di Notizie Autorevole grazie alla qualità dei contenuti prodotti quotidianamente.

Resta aggiornato, seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.