Il premier Conte ha deciso sulla revoca della concessione Autostrade ai Benetton, Atlantia fa uno scivolone in borsa per i numerosi ordini di vendita. Insoddisfatto anche dell’ultima proposta di riconcigliazione, che prevedeva una sorta di società tra lo Stato e i Benetton, Conte risponde nero. Domani al Consiglio dei Ministri il presidente Giuseppe Conte presenterà la revoca ad ASPI, si voterà per la revoca, siamo finalmente al punto. La risposta dei Benetton, che controllano l’88% di ASPI, non si fa attendere “sempre rispettato istituzioni, non abbiamo intenzione di uscire”.

premier conte revoca concessione autostrade benetton

Conte revoca la concessione Autostrade ai Benetton

Il premier Conte revocherà la concessione Autostrade ai Benetton domani, dopo essersi consultato con il Consiglio dei Ministri. Intervistato da La Stampa Conte specifica:

“I Benetton non hanno ancora capito che questo governo non accetterà di sacrificare il bene pubblico sull’altare dei loro interessi privati. I Benetton hanno beneficiato di condizioni irragionevolmente favorevoli per loro: può bastare così. Porterò la questione della revoca in Consiglio dei ministri e decideremo collegialmente, ma non siamo disponibili a concedere ulteriori benefici!”

Giuseppe Conte sulla revoca della concessione Autostrade per i Benetton

Anche sul Fatto Quotidiano intervistato in merito, il premier ribadisce:

Sarebbe davvero paradossale se lo Stato entrasse in società con i Benetton. Non per questioni personali, che non esistono, ma per le gravi responsabilità accumulate dal management scelto e sostenuto dai Benetton nel corso degli anni fino al crollo del Morandi e anche dopo“.

Giuseppe Conte sulla revoca della concessione Autostrade per i Benetton

Secondo il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, Aspi sta tentando invano di “perpetuare il regime di favore in caso di nuovi inadempimenti degli obblighi di concessione, prendendo in giro non il presidente del Consiglio, ma i familiari delle vittime del ponte Morandi e tutti gli italiani“.

Che l’avvocato del popolo si sia dato una svegliata? Attendiamo notizie della revoca, ma intanto: Atlantia cade in borsa.

Atlantia giù in borsa – Rischio default di 20 miliardi

Dopo le dure parole di Conte, che si è schierato insieme ai 5 stelle in favore della revoca della concessione Autostrade ai Benetton, ecco gli effetti nella borsa.

Atlantia crolla in Piazza Affari, facendo fatica a restare a galla per tutti gli ordini di vendita avvenuti, si stima che adesso la holding di Ponzano Veneto rischia un default di 20 miliardi di euro. Questa picchiata dettata dalle parole del premier preoccupano gli investitori.

CONDIVIDI le ultime notizie sulla revoca concessione Autostrade ai Benetton.

Adirai.it è stato selezionato da Google News come Fonte di Notizie Autorevole grazie alla qualità dei contenuti prodotti quotidianamente.

Resta aggiornato, seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.