Vediamo cosa si può fare da oggi 3 giugno 2020 e cosa non si può ancora fare in Italia secondo il Decreto coronavirus sottoscritto dal premier Giuseppe Conte. Seppure da oggi, 3 giugno 2020, è possibile fare spostamenti tra una regioni ci sono degli obblighi e divieti da continuare a rispettare. Dopo la Festa della Repubblica arriva il giorno tanto atteso per gli spostamenti tra regioni e vacanze 2020, allora cosa si può fare dal 3 giugno?

3 giugno 2020 - cosa si può fare, spostamenti tra regioni, divieti, obblighi

Cosa si può fare da oggi 3 giugno 2020

Il decreto coronavirus prevedere grandi progetti per oggi 3 giugno 2020, è forse il giorno più rischioso dell’anno 2020: Spostamento in tutte le regioni italiane permetteranno all’unisono gli spostamenti tra regioni senza richiedere autocertificazione e senza limitare i viaggiatori.

Cosa si può fare da oggi 3 giugno 2020? Spostarsi tra le regioni, andare in vacanza o incontrare persone su tutto il territorio nazionale senza autocertificazione! Un altro pezzettino di libertà concessa ai cittadini italiani.

Spostamenti tra regioni da oggi 3 giugno

C’è da dire una cosa importante a riguardo degli spostamenti tra regioni da oggi 3 giugno di cui purtroppo non si è parlato a sufficienza: I CONGIUNTI A DISTANZA. Chi ha la propria famiglia in un’altra regione è stato tenuto a distanza per tutto questo tempo. Famiglie divise da un confine immaginario che ha impedito loro di aiutarsi e di vedersi nel momento più difficile di questo 2020. Famiglie divise fino a domani, quando riapriranno i confini e tutti potranno rincontrarsi.

Dunque iniziamo questo articolo così, dicendovi la prima cosa che si può fare dal 3 giugno 2020 è proprio andare a incontrare la propria famiglia bloccata in un’altra regione da tre mesi.

Divieti e Obblighi che restano

Ovviamente un pezzettino di libertà non vuol dire tornare alla normalità, anzi, questa è solo una fase di transizione verso una speranza di normalità.

  • Mantenere il distanziamento sociale di almeno 1 metro;
  • L’obbligo di indossare i DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) al chiuso e anche all’aperto in caso non si può mantenere la distanza;
  • Il divieto di assembramenti sia al chiuso che all’aperto;
  • Restano banditi e quindi vietati i baci, gli abbracci, le strette di mano con tutti i “non congiunti”, ossia quelle persone che non vivono con noi.
  • Tutti sono obbligati a farsi misurare la temperatura all’ingresso in un locale.
  • Per le attività commerciali restano in vigore i protocolli specifici di sicurezza ideati dall’Inail.
  • Resta l’obbligo di considerarsi in quarantena qualora si avessero delle infezioni respiratorie o febbre da 37,5.

Dal 3 giugno 2020 si potrà fare quasi tutto, ma senza abbassare la guardia: Non vogliamo mica tornare in lockdown! Guadagniamoci un’estate al mare, facciamo i bravi… anche domani.

CONDIVIDI le news di oggi 3 giugno 2020 sugli spostamenti tra regioni, obblighi e cosa si può fare.

Adirai.it è stato selezionato da Google News come Fonte di Notizie Autorevole grazie alla qualità dei contenuti prodotti quotidianamente.

Resta aggiornato, seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.