Le novità del decreto maggio 2020 arrivano dalla bozza di decreto, per offrire sostegno ai lavoratori italiani riguarderà tutto il mondo del lavoro. Se ti suona familiare questo provvedimento è perché fino al 30 aprile si chiamava Decreto aprile, poi il ritardo, ed è stato rinominato dl maggio. Nel decreto maggio sono incluse misure economiche per sostenere i lavoratori con REM, RdC, CIG, indennità, congedo e bonus baby sitter. Da quanto si evince dalle novità decreto maggio è in arrivo anche un fondo per la formazione dei lavoratori, cioè il Fondo nuove competenze. La ministra Nunzia Catalfo aveva preannunciato alcune delle novità ma adesso ne conosciamo qualche dettaglio in più, ecco di cosa si tratta.

novita decreto maggio rem rdc cig indennita bonus congedo

Le Novità del Decreto Maggio

Le Novità del Decreto Maggio 2020 – Dal reddito di emergenza al RdC, dal congedo parentale e il bonus baby sitter all’indennità a colf e badanti, un fondo nuove competenze e lo stop ai licenziamenti: Queste le novità decreto maggio che andiamo a scoprire nel dettaglio.

Il decreto maggio è composto da 44 articoli che andranno a sostegno del mondo del lavoro che si trova alle prese con l’emergenza coronavirus.

Novità Decreto Maggio, Proroga Stop ai licenziamenti

Le Novità del Decreto Maggio 2020 – La prima novità decreto maggio arriva dalla ministra Nunzia Catalfo che ha confermato lo Stop ai licenziamenti di altri 3 mesi. Il blocco indicato nella bozza di decreto riguarda i licenziamenti collettivi e quelli individuali per motivo economico e ha valenza da metà maggio a metà agosto 2020.

Decreto Maggio, Novità per i beneficiari dei sussidi

Le Novità del Decreto Maggio 2020 – Una novità della bozza di decreto riguarda sicuramente i beneficiari di un sussidio statale infatti presto sarà chiamato a lavorare nei campi. Nel decreto maggio è incentivato il lavoro agricolo per i percettori di sussidi. I due principali sussidi di cui si tratta nel decreto maggio sono: il Reddito di Emergenza e il Reddito di Cittadinanza.

Reddito di Emergenza

Le Novità del Decreto Maggio 2020 – Nella bozza di decreto maggio è stato istituito il REM o Reddito di Emergenza, cos’è e come funziona lo avevamo già accennato. La novità è che il reddito di emergenza durerà 3 mesi a partire da maggio, con un importo complessivo che va da 400 euro per i single agli 800 euro mensili per famiglia.

Reddito di Cittadinanza

Le Novità del Decreto Maggio 2020 – Con il Decreto Maggio il Reddito di Cittadinanza diventa più accessibile, nella bozza si leggono i nuovi requisiti di accesso alla misura di sostegno del reddito.

Novità Decreto Maggio per Colf e Badanti

Le Novità del Decreto Maggio 2020 – E’ in arrivo un’indennità anche per colf e badanti per i mesi di aprile e maggio (sempre meglio tardi che mai). Saranno beneficiari solo colf e badanti che non risiedono con il datore di lavoro e che possono certificare una riduzione di almeno il 25% delle ore lavorative. L’indennità non concorre alla formazione del reddito.

Gli indennizzi per colf e badanti da 400 a 600 euro mensili per due mensilità varia a seconda dell’orario di lavoro ridotto. IlSole24Ore scrive spiegando la norma: “Se al 23 febbraio avevano uno o più contratti per una durata complessiva non superiore a 20 ore settimanali riceveranno 400 euro per ciascun mese, che oltre le 20 ore settimanali diventano 600 euro (sempre per ciascun mese)“.

Novità Decreto Maggio per Cassa Integrati

Le Novità del Decreto Maggio 2020 – Novità a Maggio anche per la CIG ordinaria e in deroga. Altre 9 settimane di Cassa Integrazione, ordinaria e in deroga, questa volta per abbreviare la procedura e far arrivare prima i soldi sarà adoperato un protocollo di domanda diverso. Il datore di lavoro non deve anticipare i trattamenti di CIG. I ritardi della cassa integrazione coronavirus non dovrebbero verificarsi di nuovo.

“Si rifinanziano anche i Fondi di solidarietà, in primis artigianato lavoro somministrato, con una dote aggiuntiva di 1 miliardo. Per cercare di ridurre i ritardi nell’erogazione delle somme, la bozza di decreto prevede che i datori di lavoro – che non anticipano i relativi trattamenti – possono fare richiesta di pagamento diretto della prestazione, trasmettendo la relativa domanda entro la fine del mese di inizio del periodo di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa. Entro il giorno 20 del mese successivo a quello in cui è collocato il periodo di integrazione salariale richiesto, le amministrazioni competenti autorizzano la domanda e i datori di lavoro comunicano all’Inps i dati necessari per il pagamento delle prestazioni, che Inps dispone entro la fine del mese stesso.” Aggiunge Il Sole 24 Ore nel suo articolo esplicativo della bozza di decreto maggio 2020.

Proroga Congedo parentale e Bonus Baby sitter

Le Novità del Decreto Maggio 2020 – Nel Decreto Maggio sono previsti ulteriori 15 giorni di congedo parentale che si aggiungono agli altri 15 giorni già decretati dal Cura Italia. Saranno retribuiti al 50 per cento e si possono richiedere per figli fino a 12 anni. Anche il bonus baby sitter è stato prorogato, altri 600 euro che si potranno usare anche per pagare i centri estivi.

Nasce il Fondo Nuove Competenze

Le Novità del Decreto Maggio 2020 – Nasce il Fondo nuove competenze, una novità del decreto maggio che finanzierà le ore di formazione extra dei dipendenti ai quali sarà ridotto l’orario lavorativo a causa di mutate esigenze organizzative e produttive.

Un’opportunità per formare i propri dipendenti e specializzarli per far fruttare il tempo di lavoro che andrebbe altrimenti perso.

CONDIVIDI le novità decreto maggio 2020.

Adirai.it è stato selezionato da Google News come Fonte di Notizie Autorevole grazie alla qualità dei contenuti prodotti quotidianamente.

Resta aggiornato, seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.