bonus detrazione condizionatori 2020

Come funziona il Bonus Condizionatori 2020 e che cos’è esattamente? Il bonus condizionatori 2020 è una detrazione fiscale sui condizionatori a risparmio energetico che sostituiscono quelli vecchi. Si può ottenere la detrazione condizionatori senza ristrutturazione e la detrazione condizionatori con ristrutturazione. In base al tipo di acquisto di ottengono gli sconti o detrazioni immediate. Tutto quello che c’è da sapere sulla detrazione condizionatori 2020.

Cos’è il Bonus Condizionatori 2020

Che cos’è il bonus condizionatori 2020? Il bonus condizionatori 2020 è una detrazione fiscale per grandi elettrodomestici A+ come i climatizzatori. Il bonus è mirato a incentivare il risparmio energetico.

La detrazione condizionatori senza o con ristrutturazione sono aperte a tutti i cittadini e vanno da un minimo del 50% fino a un massimo del 65% di sconto.

Cerchiamo di capire tutto quello che c’è da sapere sulla detrazione condizionatori: come funziona, tasse da pagare, requisiti, come si deve pagare, causale bonifico risparmio energetico, detrazione con ristrutturazione, detrazione senza ristrutturazione.

Esiste una Tassa sui climatizzatori?

Esiste una tassa sui climatizzatori? Non esiste alcuna tassa sui climatizzatori o condizionatori, nessuna tassa sull’aria condizionata è prevista dalla legge. Ci sono delle spese per il libretto d’impianto della climatizzazione e per l’operazione di controllo sull’impianto con bollino blu che verrà rilasciato, e basta.

Requisiti detrazione fiscale condizionatori 2020

A chi spetta la detrazione fiscale condizionatori nel 2020? La detrazione condizionatore spetta a tutti i cittadini che rientrano nei requisiti. Quali sono i requisiti per accedere al bonus climatizzatori 2020? I requisiti per accedere alla detrazione condizionatore sono:

  • Il climatizzatore deve essere a risparmio energetico, deve mirare alla:
    • riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento;
    • miglioramento termico per l’edificio;
    • installazione di pannelli solari;
    • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

Bonus Condizionatori 2020: le percentuali di detrazioni fiscali

Quant’è la percentuale di detrazione fiscale sui condizionatori? La percentuale di detrazione condizionatore va dal 65% al 50%: dipende se l’acquisto è con o senza ristrutturazione.

Il bonus condizionatori 2020 è un altro incentivo green, in pratica se vi va di modificare l’impianto di climatizzazione in casa potete usufruire del bonus. A patto che sia tutto mirato al risparmio energetico.

Come funziona la detrazione condizionatori?

Come funziona la detrazione condizionatori? Il bonus condizionatori 2019 non è troppo diverso da come funziona il bonus condizionatori 2020. In pratica si ottiene detrazione fiscale 65% se si modifica l’impianto di riscaldamento senza ristrutturazione e del 50% con la ristrutturazione.

Le detrazioni condizionatore o detrazioni climatizzatore sono un incentivo a cui possono accedere tutti i cittadini che rispettano i requisiti del bonus condizionatore.

Il bonus condizionatori 2020 può essere considerato anche un bonus mobili senza ristrutturazione perché vale per mobili e grandi elettrodomestici A+ (come i climatizzatori).

Come bisogna pagare il condizionatore per avere la detrazione fiscale?

Come deve essere pagato il climatizzatore per poter fare la detrazione fiscale condizionatori? Deve essere pagato con bonifico bancario o postale ordinario, altrimenti tramite bonifico bancario parlante, con causale bonifico risparmio energetico.

La causale del bonifico bancario parlante è quella usata da banche e Posta per bonifici relativi ai lavori di ristrutturazione fiscalmente agevolati. Serve anche:

  • il codice fiscale del beneficiario della detrazione;
  • il numero di partita Iva o il codice fiscale del negozio o rivenditore.

Inoltre, su tali bonifici è dovuta una ritenuta d’acconto pari all’8%.

Detrazione condizionatori con e senza ristrutturazione

La detrazione condizionatori vale con e senza ristrutturazione edilizia in corso. Questo vuol dire che tutti i cittadini possono accedere al bonus condizionatori 2020 se sostituiscono l’impianto di climatizzazione.

Detrazione condizionatori con ristrutturazione

Se l’acquisto del condizionatore con pompa di calore viene sostituito con ristrutturazione spetta lo sconto o detrazione fiscale del 50%. La detrazione condizionatore ha un tetto di spesa massimo di 96.000 euro, fino al 31 dicembre 2020. Questo vale non solo per i climatizzatori, ma anche per tutti gli altri grandi elettrodomestici A+ e mobili.

Detrazione condizionatori senza ristrutturazione

La detrazione, o sconto immediato al 65%, senza ristrutturazione viene data solo se si sostituisce il vecchio impianto con:

  • impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione di efficienza almeno pari alla classe A e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti, appartenenti alle classi V, VI oppure VIII;
  • impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi, cioè con pompa di calore integrata con caldaia a condensazione;
  • impianti di climatizzazione invernale con generatori d’aria calda a condensazione; 
  • micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, fino a un valore massimo della detrazione di 100.000 euro, a patto di ottenere un risparmio di energia primaria pari almeno al 20% 
  • impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e con sistema di distribuzione. La detrazione è per un massimo di 30.000 euro;
  • impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia. La detrazione è per un massimo di 30.000 euro;
  • scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria. Limite fino a 30.000 euro.

CONDIVIDI le ultime notizie sul bonus detrazione condizionatori 2020.

Adirai.it è stato selezionato da Google News come Fonte di Notizie Autorevole grazie alla qualità dei contenuti prodotti quotidianamente.

Resta aggiornato, seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.