Auto aziendale +6,7% vendite in Italia 2019, Governo ci ripensi. Economia rifioriva, adesso invece si bloccherà di nuovo

auto aziendale manovra 2020

Auto aziendale. Negli ultimi giorni si sono susseguiti scontri politici sulla Manovra finanziaria che, a dire del premier Conte, dovrebbe rivoluzionare l’economia italiana che sarà anche più eco-sostenibile. Questo andrà a discapito di automobilisti, concessionari e aziende. Purtroppo la Manovra 2020 non tiene conto del fatto che rincarando le auto aziendali sono le imprese italiane a rimetterci; e se lo Stato in primis non aiuta gli imprenditori, chi può farlo? La vendita di automobili in Italia quest’anno erano in salita, circa +6,7%, ma con queste premesse si fa fatica a vederla in positivo anche per il 2020.

Auto più vendute a ottobre 2019

Auto più vendute a Ottobre 2019. Quattro modelli di auto FCA tra i primi 10 posti: Panda, Ypsilon, 500X, occupano rispettivamente le prime posizioni poi c’è la 500.

Jeep migliora le vendite, grazie alla Renegade e al modello Compass, dello 0,8%; sono 5.400 le immatricolazioni a ottobre 2019, assicurandosi il 3,5% del mercato auto, una buona fetta. In dieci mesi però Jeep ha immatricolato 69.800 vetture, la quota totale è di 4,3%.

Lancia invece la segue con 4.850 vetture vendute nel mese di ottobre 2019, ha avuto una crescita dell’8,2% e una fetta di mercato pari a 3,1%. In dieci mesi solo 50.500 vetture immatricolate, ma comunque guadagna un +0,7 punti nel mercato auto.

Bene per la Ypsilon, tra le più vendute in Italia anche nel 2019, si aggiudica una quota di 14,8%, infatti è seconda nella classifica assoluta. La prima in classifica è la Fiat la Panda con una quota del 38,8%.

Auto aziendale: Cresce mercato, Governo ci ripensi

Mercato auto e auto aziendale. La crescita del mercato italiano dell’auto a ottobre, afferma il Centro Studi Promotor; “è un segnale positivo anche perché si inserisce in un quadro del mercato che nel 2019 è stato finora caratterizzato da un andamento sfavorevole”. Il CSP dice che da luglio c’è stato; “un graduale miglioramento del clima di fiducia degli operatori auto che a fine ottobre prevedono nel 72% dei casi mercato stabile o in aumento”. Il mercato potrebbe quindi chiudere sui livelli del 2018 (1.910.000 immatricolazioni) o poco più, ma ha un appello da fare al governo:

“Per superare il livello del 2018 e innescare nel 2020 una nuova fase di crescita occorre che il Governo accantoni ogni provvedimento punitivo nei confronti delle automobili e degli automobilisti come il deplorevole tentativo di rendere ancora più aspra una persecuzione fiscale sull’auto aziendale che non trova riscontro in nessun altro paese del mondo.

Poi da un consiglio – Per incidere positivamente sull’ambiente è utile immatricolare nuove auto a basso impatto, ma è assolutamente necessario eliminare le auto più vecchie favorendo con adeguati incentivi la sostituzione di auto molto datate con usate più recenti”.

Manovra Auto Aziendale danneggia le aziende

A criticare la dura presa di posizione del governo contro gli automobilisti c’è anche Michele Crisci, presidente dell’Unrae, l’associazione delle case automobilistiche estere. “In un quadro macroeconomico con persistenti incertezze sia economiche sia geopolitiche; le previsioni sul mercato auto nel 2020 rischiano di dover essere rivista pesantemente al ribasso; alla luce della recente proposta del Governo di inserire nella Legge di Bilancio l’aumento, per tutti i dipendenti, del valore ai fini fiscali delle auto aziendali in fringe benefit che potrebbe risultare raddoppiato o addirittura triplicato”. Poi Crisci osserva che;

La proposta, vessatoria nei confronti dei dipendenti danneggerebbe anche le aziende; già penalizzate nella competizione internazionale dai limiti solo italiani a deducibilità e detraibilità ed escluse dal Superammortamento previsto per gli altri beni strumentali; questo ha un impatto fortemente negativo sul mercato delle auto aziendali e sulla capacità di rinnovare il parco circolante. Già in questi giorni, infatti, si sta riscontrando il blocco degli ordinativi da parte delle aziende clienti, nell’assoluta incertezza del quadro normativo e fiscale”.

CONDIVIDI le ultime notizie sulle auto aziendali.

Adirai.it è stato selezionato da Google News come Fonte di Notizie Autorevole grazie alla qualità dei contenuti prodotti quotidianamente.

Resta aggiornato, seguici su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.